6 trucchi per mantenere il materasso e dormire sonni tranquilli

6 trucchi per mantenere il materasso e dormire sonni tranquilli

Bere una tazza di tè, indossare abiti comodi, ascoltare musica rilassante… Quando si riposa è importante trovare l’atmosfera perfetta e questo include anche l’avere un materasso pulito e comodo.

Sapevi che trascorriamo circa un terzo della nostra vita dormendo? Scegliere un buon materasso è importante, invero più importante di quanto si pensi perché, oltre alla quantità di tempo che ci trascorriamo, rappresenta ciò che fa realmente la differenza tra un sonno pessimo e un sonno ristoratore.

Quand’è stata l’ultima volta che hai cambiato il tuo? Quanto tempo fa hai fatto una pulizia profonda del tuo materasso? Se per rispondere a questa domanda devi pensarci molto tempo o fare riferimento a vecchi appunti, allora ti invitiamo a dare un’occhiata a questi suggerimenti per la pulizia e la cura dei tuoi materassi.

Come manutenere il materasso: i nostri consigli

Come anticipato nel titolo, di seguito vogliamo elencare 6 semplici trucchi o suggerimenti per migliorare la salute del tuo materasso e curarne la manutenzione.

1. Ruotare il materasso

Ogni tre mesi (segna la data sul calendario), gira o ruota il materasso di 180 gradi. Questo permetterà al tuo materasso di durare più a lungo. Grazie alle schiume moderne non sarà una pratica così difficile da attuare.

Presta attenzione, tuttavia, alle zone differenziate e ai materiali di cui è composto il materasso: non tutti i materassi possono essere girati o spostati a proprio piacimento, senza seguire un criterio.

2. L’importanza della ventilazione

Prima di rifare il letto, prova ad arieggiare la camera per cinque-dieci minuti al giorno (il tempo che impieghi a leggere il giornale o a bere una tazza di caffè). Questo semplice consiglio manterrà il tuo letto libero da acari e batteri. Un consiglio in più: non dimenticare di agitare molto bene i cuscini e le lenzuola.

Una volta al mese potrebbe essere corretta l’idea di portare il tuo materasso all’esterno e scuoterlo energicamente.

3. Il tuo migliore amico? L’aspirapolvere

Almeno una volta al mese, assicurati di aspirare molto bene il materasso. Ha cattivi odori? Cospargi un po’ di bicarbonato di sodio sulla superficie e, a seconda dell’intensità della macchia, lascia agire per qualche minuto o qualche ora, aspira et voilà. Credimi, ti sentirai come nuovo!

4. Dopo averlo acquistato

Una volta acquistato il materasso perfetto per te, ricordando che non tutti sono uguali e che hanno caratteristiche specifiche, acquista un copri-materasso che funga come una sorta di protezione speciale, di livello ulteriore tra te e il tuo materasso.

Così facendo, oltre a donare al tuo materasso una lunga vita, lo proteggerai da polvere, umidità e acari .

5. Ciao, ciao macchie

Non c’è niente di più scomodo e sgradevole di un materasso con macchie di cibo, umidità, sudore… Non lasciare che accada a te!

Pulisci e smacchia periodicamente le macchie utilizzando prodotti naturali come il bicarbonato, l’aceto o la fantastica miscela di limone e acqua. Non dimenticare, ovviamente, di usare un buon detersivo.

6. La pulizia, un passaggio fondamentale

Programmare una pulizia profonda del materasso una o due volte all’anno è essenziale, soprattutto per la tua salute e l’igiene generale del luogo dove sei solito riposare (e quindi, come ti dicevo, spendere un lungo ed importante momento della tua vita).

Prendersi cura e pulire il materasso offre molti più vantaggi di quanto si possa immaginare. Farlo nella maniera giusta e competente può rivelarsi decisivo.

Evita di utilizzare prodotti di cui non conosci le caratteristiche e limitati a seguire i punti precedenti, aggiungendo un lavaggio approfondito di tutto ciò che circonda l’anima del materasso (che sia a molle, in lattice o memory). Quasi tutti i moderni materassi sono, infatti, sfoderabili e lavabili ad una temperatura tra 40 e 60 gradi.

Un ultimo fondamentale consiglio: a seconda della qualità e tipologia di materasso, questo elemento fondamentale del tuo arredo durerà tra 5 e 10 anni, difficilmente di più. Dopo questo tempo, il materasso andrà gradualmente a perdere le sue peculiarità fino a portare, almeno potenzialmente, danni al tuo organismo.

Non esitare a cambiare materasso: a ben vedere, un materasso è da considerarsi il protagonista assoluto del tuo arredamento, quello dove trascorri più tempo e, se immagini di spalmare il suo costo su più anni (mediamente di 600 euro per un matrimoniale sufficiente), il prezzo si rivelerà ridicolo rispetto a quello di tanti elettrodomestici.

RedazioneAR-casa

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x