Parquet o gres porcellanato quale scegliere: pro e contro

Il parquet ed il gres porcellanato sono tra le soluzioni più desiderate e adottate in casa, un trend che negli ultimi anni ha fatto registrare una crescita continua.

Si tratta di due materiali in grado di garantire un piacevole impatto estetico e resistenza, sebbene entrambi abbiano dei punti di forza e delle cose sulle quali ragionare. Vediamo allora insieme quali sono i pro e i contro del parquet e del in gres porcellanato.

Pro e contro del gres porcellanato

gres

Oggi è possibile sempre più ammirare il gres porcellanato quale pavimentazione sia in ambienti interni che esterni, e in alcuni casi anche come rivestimento per le pareti. I pavimenti realizzati in gres porcellanato hanno caratteristiche simili alla ceramica per quel che riguarda la durata, ma offrono delle prestazioni migliori.

Il segreto è nel modo in cui il gres viene prodotto: si tratta infatti di ceramica che viene pressata così da ridurre al minimo la porosità del materiale aumentandone la resistenza. Per questo motivo i pavimenti in gres porcellanato sono particolarmente resistenti agli urti così come all’umidità e alle temperature estreme. Questo è anche il motivo per il quale tale materiale può essere pensato anche per un utilizzo esterno.

I vantaggi del gres porcellanato

Resistenza: Il particolare processo produttivo conferisce a questo materiale una grande resistenza agli urti, così come al caldo e al freddo estremo o all’umidità. Le superfici in gres porcellanato rimangono dunque inalterate nonostante le condizioni ambientali anche per quel che riguarda luoghi a traffico elevato, il quale non andrà comunque ad alterare la superficie.

Installazione semplice: Il gres porcellanato aderisce perfettamente al calcestruzzo, colla o qualsiasi altro tipo di materiale di fissaggio. Per questo motivo la posa di superfici in gres porcellanato è semplice e rapida.

Facilità di pulizia: Il gres porcellanato, data la sua compattezza, ha la caratteristica di non assorbire quasi per nulla l’acqua e per questo è particolarmente facile da pulire, dato che basta semplicemente strofinarlo. Non è inoltre necessario utilizzare cere o prodotti particolari per la sua manutenzione.

Ampia scelta: Esistono in commercio tipologie di gres porcellanato che riproducono fedelmente l’effetto di materiali particolari quali il legno, il marmo, la pietra ed il laminato. Per questo motivo è facile trovare una versione che sia perfetta per qualsiasi zona della casa desideriamo valorizzare.

Gli svantaggi del gres porcellanato

Non trattiene il calore: Il gres porcellanato non è in grado di trattenere il calore e questo diventa un problema nel momento in cui hai l’abitudine di camminare in casa a piedi scalzi e ti piace sentire una bella sensazione di tepore sotto i piedi. In questo caso il consiglio per ovviare è quello di optare per il riscaldamento a pavimento.

Difficoltà nel taglio: Proprio a causa della sua elevata compattezza e resistenza, il gres porcellanato è alquanto difficile da tagliare. Questo va tenuto in considerazione nel caso in cui si desiderino effettuare dei tagli particolari per adattarlo alle geometrie dell’ambiente in cui installarlo ma anche per successive perforazioni delle superfici o per eventuali lavori di manutenzione.

Pro e contro del parquet

parquet

Sei anche tu una di quelle persone che adorano il parquet ma non sono sicure di volerlo installare in casa? Chiaramente anche in questo caso ci sono degli elementi che giocano a favore ed altri contro.

Sicuramente è un piacere poter mettere i piedi nudi per terra e avvertire la piacevole sensazione di tepore che il legno è in grado di regalare. Comfort ed un gradevole impatto estetico dunque, ma ci sono anche alcuni elementi da tenere in considerazione. Vediamo insieme quali.

I vantaggi del parquet

Impatto estetico unico: Il parquet conferisce maggior valore ad ogni tipo di ambiente, rendendolo unico e speciale. Il legno inoltre si abbina perfettamente ad ogni tipo di contesto conferendo da subito un aspetto intimo e accogliente.

Capacità di isolamento termico: Il parquet ha una elevata capacità isolante per la quale riesce a mantenere costante la temperatura sia in inverno che in estate. Per questo è possibile camminare a piedi scalzi tutto l’anno, avendo sempre una piacevole sensazione di tepore sotto i piedi.

Facilità di pulizia: Le operazioni di pulizia del parquet sono particolarmente veloci in quanto questo non raccoglie la polvere. Basta Infatti un semplice spazzamento per una pulizia completa.

Gli svantaggi del parquet

Attenzioni particolari: A differenza delle piastrelle, le quali sono dure e resistenti, il legno è un materiale “morbido” che teme graffi e urti. Per questo motivo è fortemente raccomandato di far togliere le scarpe a quanti entrano in casa (eventuali piccole pietre incastrate nella suola delle scarpe potrebbero graffiarlo), oltre che scegliere un tipo di legno adeguatamente resistente.

Costo elevato: Il parquet è notoriamente costoso, certamente più del gres porcellanato. Ad ogni modo oggi sul mercato ne esistono diverse versioni e alcune di queste hanno dei prezzi molto interessanti.

Conclusioni

In definitiva, non esiste una risposta univoca se ci si chiede se sia meglio il gres porcellanato o il parquet: esistono invece delle soluzioni che possono essere particolarmente indovinate in base alla tipologia di ambiente e al contesto che desideriamo valorizzare con questi materiali, tenendo chiaramente conto di quella che è la nostra capacità di spesa e dell’impegno che dovremmo mantenere nel tempo per garantirne la durata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.